Risparmio energetico con il Cloud - NFON

 

Gli aumenti delle bollette di luce e gas stanno affliggendo tutte le aziende. Per fronteggiare i rincari, il Cloud è una delle soluzioni per un maggiore risparmio energetico. Scopri perché in questo articolo. 

Aumenti delle bollette di luce e gas: come tutelarsi in azienda

Gli aumenti delle bollette di luce e gas stanno affliggendo tutte le aziende, piccole o medio-grandi. Per fronteggiare i rincari è quindi necessario un piano strategico per risparmiare energia elettrica. Ma in realtà il risparmio economico, non dovrebbe essere l’unico motivo per consumare meno energia.

Sono almeno 3 le motivazioni che dovrebbero spingere ogni azienda al risparmio energetico: la riduzione dei costi di gestione della propria attività, un calo dell’inquinamento atmosferico e del riscaldamento globale e in ultimo la creazione di un ambiente di lavoro più confortevole per il benessere del personale. 

La gestione intelligente dei consumi energetici consente quindi un risparmio che da un lato favorisce una migliore qualità della vita in ufficio e dall'altro un minor impatto sull’ambiente.

Lo sviluppo sostenibile del proprio business è di conseguenza un percorso che coinvolge tutti i dipendenti e i collaboratori dell’azienda. I lavoratori devono farsi promotori di una migliore gestione energetica, non solo sul lavoro, ma anche al di fuori.

É necessario quindi, un cambio di mentalità che sensibilizzi il personale. Parliamo di una vera e propria cultura aziendale green. Tutti i lavoratori devono essere informati, guidati e coinvolti negli obiettivi di sostenibilità aziendale. 

Il primo passo è l’analisi della situazione attuale per individuare inefficienze, sprechi e punti deboli su cui intervenire. Successivamente bisogna definire delle linee guida per il risparmio energetico, che prevedano eventuali interventi tecnici da parte dell’azienda e una serie di comportamenti e buone abitudini che è necessario assumere da parte di tutti. 

In questo articolo cercheremo di suggerirti alcuni accorgimenti, applicabili fin da subito, che ti aiuteranno a risparmiare energia in azienda.

Consigli per risparmiare energia elettrica in azienda

I sistemi che funzionano ad energia elettrica in azienda sono molteplici: riscaldamento e condizionamento, sistema di illuminazione, l’utilizzo di pc e dispositivi informatici d’ufficio, in alcuni casi macchinari per la produzione industriale e insegne luminose.

Per ridurre il consumo di energia elettrica e fronteggiare i rincari delle bollette, buone e semplici abitudini quotidiane possono venire in aiuto. I nostri consigli si dividono infatti in 5 macrocategorie:

  • Gestione intelligente di impianti di riscaldamento e condizionamento
  • Ottimizzazione dei sistemi di illuminazione
  • Gestione dei dispositivi elettronici
  • Ricorso allo smart working o lavoro ibrido
  • Migrazione al Cloud computing

Gestione intelligente di impianti di riscaldamento e condizionamento

Una gestione efficiente degli impianti di riscaldamento e condizionamento garantisce sicuramente un elevato risparmio energetico. Inoltre, un sistema mal funzionante, consuma sicuramente di più. Per cui accertati di:

  • effettuare una manutenzione periodica e puntuale dei tuoi impianti per migliorare le prestazioni;
  • pulire regolarmente i filtri sporchi che possono causare un sovraccarico e un dispendio energetico elevato;
  • accendere e spegnere gli impianti 30/40 minuti prima di entrare o lasciare l’ufficio;
  • regolare la temperatura corretta (in inverno la temperatura ideale dovrebbe essere tra i 18° e 20°, mentre in estate non deve essere inferiore ai 25°);
  • evitare dispersioni di energia durante il funzionamento degli impianti (chiudi bene finestre e porte per un corretto isolamento termico dei locali);
  • se possibile, scegliere condizionatori a pompa di calore caldo/freddo con classi energetiche A++ o A+++ e caldaie a basso consumo. Nella scelta dei macchinari e delle nuove attrezzature, scegliere strumenti con tecnologia ad alta efficienza e a risparmio energetico ti farà risparmiare energia e denaro.

Inoltre, puoi affidati alla domotica per la gestione intelligente dei tuoi impianti. Un software monitora il sistema (l’illuminazione, gli impianti di riscaldamento, l’aria condizionata e le apparecchiature) riducendo gli sprechi e ottimizzando l’utilizzo e i costi. 

Infine, la scelta di autoprodursi l’energia per alimentare il sistema aziendale può essere vincente. Installare impianti fotovoltaici riduce i consumi energetici, le emissioni di gas serra e a lungo termine consente un risparmio economico notevole. 

 Ottimizzazione dei sistemi di illuminazione

In azienda è opportuno adottare sistemi di illuminazione a risparmio energetico. In questo caso ti consigliamo alcuni accorgimenti:

  • utilizzare luci LED (lampadine ad alta efficienza energetica, che garantiscono una maggior durata ed un minor consumo);
  • ricordarsi di spegnere le luci in aree non occupate, di notte e durante i fine settimana;
  • installare dei sensori di presenza negli spazi comuni, nei bagni e nelle sale riunioni;
  • accendere le luci solo se necessario e sfruttare quanto più possibile la luce naturale (ampie finestre sono sicuramente d’aiuto, nonché il posizionamento strategico di scrivanie e pc che siano ben illuminati ma senza riflessi);
  • optare per colori chiari per le pareti e il soffitto, tende leggere che sfruttano la luce e diano un aspetto all’ambiente lavorativo più ampio e luminoso;
  • montare infissi moderni e doppi vetri che favoriscano da un lato l’isolamento termico e dall’altro il corretto passaggio dei raggi del sole, garantendo sempre una corretta circolazione dell’aria;
  • limitare dispersioni di calore (in questo gli spifferi sono sfavorevoli). 

Gestione intelligente dei dispositivi elettronici

Per quanto riguarda la gestione intelligente dei dispositivi elettronici ci sentiamo di consigliarti 3 comportamenti sostenibili che tutti dovrebbero assumere in azienda:

  • spegnere gli apparecchi quando non vengono utilizzati (pc, stampanti, scanner, fotocopiatrici). Accendili solo se necessario e spegnili dopo l’utilizzo o a fine giornata lavorativa staccando la presa di corrente;
  • quando sei in ufficio, per periodi di inattività anche brevi, attiva la modalità di risparmio energetico (stand-by) dei dispositivi elettronici;
  • adotta multiprese intelligenti, che si spengono automaticamente grazie a un timer interno, e prese multiple. In questo modo, con un solo click disattiverai più elementi. Questi strumenti sono utili in ufficio ma anche nelle sale comuni dove sono presenti forno a microonde, frigo o macchinette per il caffè.

Infine, l’investimento in innovazione tecnologica porta con sé concreti vantaggi per il risparmio energetico. Una tecnologia all’avanguardia da valutare, verso una scelta ecosostenibile, è senza dubbio il centralino virtuale in Cloud. Il risparmio energetico in questo caso è garantito dalla totale mancanza di un apparato fisico, quale il centralino telefonico stesso. 

 Ricorso allo smart working o lavoro ibrido

Favorire lo smart working o il lavoro ibrido è un altro importante consiglio che ci sentiamo di darti. Lo conferma la proroga dello smart working fino a giugno 2022.

Questa scelta aziendale consente da un lato un risparmio importante di costi (costi di trasferimento, elettricità in azienda) dall’altro non è da sottovalutare l’aspetto della sostenibilità. 

Lo smart working consente infatti di ridurre le emissioni prodotte durante i tragitti casa-lavoro o gli spostamenti per lo svolgimento dell’attività lavorativa e ridurre di conseguenza i costi della benzina. 

L’aumento esponenziale del prezzo della benzina è un altro fattore che invita a adottare strategie di mobilità sostenibile e integrata (auto elettriche, car sharing, e appunto la preferenza al lavoro ibrido o smart working). 

Migrazione al Cloud computing 

Un’ultima importante transizione, che ci sentiamo di consigliare ad ogni azienda è il passaggio al Cloud. Un’azienda che trasferisce on line le proprie applicazioni risparmia dal 68% al 87% di energia e riduce sensibilmente le emissioni di carbonio, fino all’85%. 

Questa scelta strategica coinvolge infatti due tipologie di costi: i costi di alimentazione di un server locale e di raffreddamento, nonché il taglio netto delle attrezzature utilizzate per raffreddare i locali delle sale adibite ai server. 

La migrazione delle applicazioni verso il cloud computing consente infatti di eliminare i server locali aziendali, che producono altissimi consumi per l’azienda. Appoggiandosi alla soluzione cloud si sfruttano server centralizzati e condivisi tra più utenti.

Un'obiezione legittima a questa pratica è rivolta al fatto che, appoggiandosi tutti ai data center, si causi un aumento dei consumi in questi locali centralizzati. In realtà, il maggior utilizzo di energia dei data center già strutturati risulta trascurabile rispetto al risparmio ottenuto dalla dismissione dei server interni in azienda.

Questo perché il sistema prevede che moltissimi utenti utilizzano e condividono la medesima infrastruttura. Solo concentrando la domanda di più persone su un numero limitato di server si ottiene una maggior efficienza e una forte ottimizzazione dei consumi. 

Inoltre, esistono tecnologie per risparmiare energia nei data center: cavi a bassa dispersione, cavi virtuosi, fotovoltaico integrato, sistemi di riutilizzo del calore o free cooling. 

Come puoi immaginare, c’è quindi un notevole fermento attorno al tema dell’efficienza energetica del data center. Nell’ambito del green computing, ovvero delle politiche di risparmio, la Commissione Europea ha introdotto uno specifico codice di condotta e raccomandazioni riferite ai data center. Possiamo dire quindi che, numerosi casi di successo testimoniano il fatto che le tecnologie per il risparmio energetico ci sono e sono alla portata di tutti.

passa-cloud-centralino-virtuale-rincari-bollette-luce-gas-risparmia-energia-elettrica-nfon

Passa anche tu al Cloud con NFON per risparmiare sulle bollette della luce

Facciamo subito un esempio pratico. Un’azienda che non lavora in cloud deve dotarsi di un server locale per installare il software aziendale e gestire l’archivio e i backup dei file. Un server aziendale deve quindi essere attivo 24 ore su 24, 365 giorni all’anno, con un altissimo consumo di energia. L’energia elettrica è necessaria sia per il suo funzionamento, che per attivare le ventole o il sistema di climatizzazione che raffreddi l’ambiente dal calore prodotto dal server.

Un server consuma dai 300W fino ai 700/800W in 1 ora. Ipotizziamo nel nostro esempio, un consumo medio di 500W ovvero 0,5 kW all’ora. In un giorno il nostro server consumerà energia per 12 kW (ovvero 0,5 kW x 24 ore). Se 1 kW costa 0,22 €, avremo un costo annuo di energia di 963 € (12 kW x 0,22 € x 365 giorni). Se avessimo 2 server, parliamo di quasi 2.000 € in un anno

Considera che questo importo è relativo solo al consumo del server, mancano i consumi delle attrezzature di raffreddamento e tutti quelli legati ai dispositivi elettronici in azienda, gli impianti di condizionamento e riscaldamento e i sistemi di illuminazione. Per cui la bolletta di energia di un’azienda lievita sensibilmente. 

Tieni inoltre presente che in media un server dura 6 anni, per cui, passando al cloud si potrebbero risparmiare ben 12.000 €, soldi che l’azienda potrebbe investire in altre attività cruciali. 

Cosa significa tutto questo? Se passi anche tu al cloud, i costi di energia sostenuti per il server e la climatizzazione del locale adibito, diventano nulli.

Sarà NFON, fornitore paneuropeo di cloud PBX, in questo caso a sobbarcarsi i costi, ottimizzando per più risorse, e soprattutto con una migliore gestione. Nel caso di NFON, per tutti i clienti si sfruttano 3 data center in Europa geo-ridondanti e certificati TÜV e ISO.

Come abbiamo anticipato, esistono infatti tecnologie per risparmiare energia. NFON, nello specifico, presta molta attenzione all’efficienza energetica dei suoi data center e dei relativi sistemi di raffreddamento.

Cosa aspetti a implementare soluzioni sostenibili? Risparmia anche tu sulle bollette con scelte aziendali green. Se vuoi valutare una soluzione che ti garantisca un sicuro risparmio energetico, NFON è al tuo fianco nel processo di transizione. Ti possiamo supportare con soluzioni di cloud e il centralino virtuale, Cloudya. Chiama subito per un preventivo gratuito e una consulenza. 

Condividilo su: